Personaggi filosofici. Il caso di Merope tra immedesimazione e riconoscimento