• Finitudine come valore, morte come «conoscenza». L’etica dell’inesistenza in Pietro Piovani