Il problema dell’oggetto della matematica come sostanza intelligibile nella «Metafisica» di Aristotele