John Dewey e la lettura fenomenologica di una soggettività drammatica