La giurisprudenza esclude l’equiparazione tra sentenza “patteggiata” e sentenza di condanna, ma il legislatore corre ai ripari