Lezioni dalla "sindrome di Quirra". Epidemiologia? No, grazie