«io quando che stavo li era molto differente». Dire le cose difficili: scuse e giustificazioni nelle lettere degli emigranti